Un cervello in catene - Ma si può ancora dire quello che si pensa?

domenica 25 agosto 2013
Si può dire quello che si pensa?

Dopo lunghe riflessioni ho concluso che NO, non si può.

Il 28 Agosto del 1963, a Washington, Martin Luther King infiammava le folle con il suo famoso speech.

Lo ascolto mentre scrivo.



Ci sono state persone molto coraggiose nella storia, che hanno preso la responsabilità delle loro parole, dei loro pensieri, e spesso ne hanno pagato le ingiuste conseguenze. 

Ci stavo pensando di recente. Il mio amico scrive su FB quasi tutto quello che gli passa per la testa, e non importa cosa gli diranno, lui resiste, tiene botta.

Qualche anno fa usavo anche io FB come una valvola di sfogo, per dire quello che pensavo e gridarlo "al mondo", per farlo arrivare più lontano possibile, così da sentirmi libera.

Poi piano piano ho cominciato a chiudermi.

Come in una relazione di coppia nella quale non ti senti capito, o ti sembra sempre di essere facilmente soggetto al rinfacciare, al giudicare.

In fondo capita a tutti, ma ognuno reagisce a modo suo.

Non amo che le mie parole vengano lette frettolosamente, con un occhio sul computer e l'altro sulla chiappa destra in preda a un prurito fortissimo.

Non amo la superficialità e la leggerezza con la quale sul web vengono vissute le cose.

Se sei buono e romantico sei falso, perchè non si può accettare in questa società di finti cinici e rosiconi che qualcuno creda nelle cose semplici e ami. 
Se sei pungente perchè hai un cervello per notare cose che non vanno intorno a te e ne parli sei cinico e rosicone.... Mi sembra di essere tornata alle scuole elementari, dove i bulletti di turno alla fine dicono sempre le stesse cose per cercare di metterti a tacere, perchè non hanno nemmeno le argomentazioni necessarie per essere o fare qualcosa in prima persona.

Non mi piace andare in giro a sventolare le mie esperienze, le mie competenze, chi sono, cosa so.. per il semplice fatto che tutto ciò che ho fatto me lo sono sudato. 
Chi può permettersi di essere altezzoso di solito viene da situazioni facilitate. Nel lavoro, nella famiglia, nell'economia.
Chi suda per ciò che ha non ha la testa per menarsela, per tenere testa ai bulletti del web.

Ecco quella sono io.

Mi annoio e mi schifo nel leggere cose superficiali in giro.
Apro FB e mi dico "Ma dove siamo finiti?"

Dovrei fregarmene e andare dritta per la mia strada.

Ma qual è poi quella strada?

In questi giorni mi manca terribilmente l'America.

Ma non posso scriverlo su FB, su Twitter.

Perché potrei ricevere commenti come "Allora perché sei tornata"? - "Sempre a disdegnare l'Italia! è per gente come te che questo paese va a rotoli (ADDIRITTURA???)" - "Non dirlo a me! ci sono stato in vacanza e ci ho lasciato il cuore. Lì è TUTTO MEGLIO, altro che 'sto paese di merda" - "Sì, ma "aMERICA con la A minuscola non se po' sentì sistià."

.... Sono tornata perchè non tutte le vite sono fatte di soldi e possibilità infinite..dico che mi manca l'America perché nonostante i suoi mille difetti ho amato quel paese e mi manca come ogni cosa vissuta per 4 anni della tua vita..questo non significa che odi il mio paese e lo dico sempre quanto lo ami pur rimanendo LUCIDA... non è vero che "lì è tutto meglio".. magari in vacanza si vedono solo i lati positivi, non generalizziamo.. la A minuscola? I'm sorry little teacher.. la mattina consiglio un protettore gastrico prima di colazione, altrimenti l'acido poi TE sale al cervello.

Dovrei rispondere ad ogni piccola cosa in questo modo? Che senso avrebbe?
Per me i social erano un modo per condividere emozioni, pensieri.. e lo facevo partendo dal presupposto che io sono una "dei buoni". 
Come nei film dei supereroi, io sono quella sfigata che sbatte contro le porte-vetro ma poi se vede un'ingiustizia si mette il mantello e polverizza tutti per fare quello che è giusto.

Non mi piace litigare. Non mi piace essere offesa. Non mi piace la superficialità.

Non sto dicendo che in questi ipotetici commenti scritti qui sopra qualcuno mi avesse offeso eh! Per la regola del "trovo il pelo nell'uovo" qualcuno potrebbe criticare questo hahaha! 
Ah.. i commenti sono inventati, sono diciamo i commenti tipo che si leggono in giro.. ;)

Poi...metto più foto del mio cane che mie.
Perchè lui è molto bello e penso ispiri sensazioni positive.
A me piace ispirare, poichè amo essere ispirata.
Quante foto mie dovrei mettere? 3 giorni su 5 mi vedo un cesso, voi che ve ne fate di me con gli shorts, di me primo piano sulle poppe, di me duck-face (criticata anche quella poichè da "bimbaminkia"..baby..facevo quella faccetta quando le bimbeminkia non erano nemmeno in processo embrionale.. rilassati!) 
A volte lavoro con dei fotografi che mi dicono che dovrei osare di più, che potrei "permettermelo".. (ci lavoro nel senso che mi fanno delle foto oppure faccio io da assistente per altri shooting) ma io non mi sentirei a mio agio ad avere una timeline fatta di me presa da ogni angolazione.

Forse sono proprio di un'altra generazione.

dal mio instagram @sistiana

A me piaceva il telefono di casa, che aspettavi che il "lui" di turno ti chiamasse SENZA USCIRE di casa tutto il giorno.

Non il Whatsapp che "stasera mi ti voglio fare" e domani Franceschina mi manda l'emoticon di una bocca e allora "forse mi voglio fare lei".

E poi dai.. adesso hanno tutti un'opinione.
Prima c'era Maria De Filippi, ora il Web.
Gabbie aperte, venghino signori, venghino!

Chi vuole dare un'opinione a caso su una foto, un video, un racconto? Prego, da questa parte, è gratis!

- Non si accettano commenti di persone qualificate o esperte di foto, video o letteratura, per favore astenersi professionisti, Grazie - 

Youtube che è un po' il mio mondo è un altro esempio delle riflessioni che sto facendo, sui social e sull'Italia.

Prendiamo esempio da YT UK, Inghilterra.

Avete presente Zoella, Alfie, Tanya Burr, JacksGap etc.. lavorano insieme, tramite dei Networks, per fare progetti insieme. Collaborazioni, eventi. E si frequentano anche nella vita vera, sull'onda della fortuna lavorativa che il web ha creato per loro!

E così CRESCONO tutti. Perché da che mondo è mondo l'unione fa la forza. Soprattutto nell'economia.

Nel mio paese temi sempre di pestare qualche cacca, di creare qualche dramma diplomatico se frequenti uno youtuber o un altro, di sembrare sfigato se chiedi, menoso se fai la tua vita.

Guardando i feed pubblici degli Youtuber inglesi e americani vedi come si facciano ilikes reciprocamente. ThatsHeart lika Michelle Phan, Michelle Phan lika Kandee Johnson e così via. Su Yt, Su Instagram.

In Italia ai miei "colleghi" sembra cadano le dita a fare un clic.

Allora dopo aver sempre likato ho cominciato a fregarmene anche io.. tanto non sembra nemmeno interessare il mio supporto, il mio apprezzamento, perchè conta solo la facciata, far finta di essere tutti SIMPA e social, quando alla fine sono tutti sempre pronti ad abbaiarti alle spalle perchè fai questo e fai quest'altro. 
E GUAI, GUAI supportarti! Anche se tu lucidi scarpe e loro pettinano furetti, quindi campi d'interesse completamente diversi e lontani da qualsivoglia competizione, GUAI supportare!

Queste cose mi annoiano! Parecchio.

Se hai qualcosa davvero, se vali, se sei confident, non avrai paura che qualcuno ti porti via nulla o che ti metta in ombra.

Se mi chiedete che applicazioni uso per le mie foto su instagram io ve lo dico, non temo mica che  "svelando" il segreto delle mie preziosissime foto potrebbe succedere qualcosa di drammatico! ahahahah! Ognuno fa foto diverse, ed è bello pensare che tutti abbiano gli stessi mezzi a disposizione per esprimersi.

Un orto resterà sempre della stessa grandezza e avrà sempre e solo zucchine e pomodori se non lo estendi a quello del vicino e insieme non aggiungete le pannocchie.

Ora chiudo, perché vado a trovare un mio amico per fare due chiacchiere vocali! 

Vi mando un abbraccio, sperando di aver creato qualche spunto interessante anche per voi e non polemiche... LOOOOL :)

Yours, 
Sistiana

p.s. questo l'ho fatto ieri, è un video, cliccateci su! :)




35 commenti on "Un cervello in catene - Ma si può ancora dire quello che si pensa?"
  1. sei una delle poche che seguo perchè ho sempre pensato tu fossi una persona vera..e quello che scrivi me lo conferma!

    RispondiElimina
  2. I tuoi post sono sempre di grande riflessione e spunto per me. Non è la prima volta che commento qui perchè trovo che ciò che scrivi sia davvero reale e ti sento molto vicina. Sono tante le youtubers che hanno iniziato con un video nel quale dicevano "Mi chiamo Tizia, ho 20 anni, vengo da Milano etc etc..", tu sei rimasta sempre la stessa e apprezzo proprio questo di te.
    Sono d'accordo sul fatto che non si possono più esprimere le proprie opinioni, specialmente su Facebook che ormai è diventato un covo di pettegole e pettegoli!
    Ho aperto il mio blog da un anno ormai, sai che però nessuno (famiglia compresa) sa che ce l'ho? Non l'ho detto non per paura delle loro reazioni, ma perchè ormai mi sono stancata dei giudizi che gli altri fanno sulla mia vita. Il mio blog è una cosa privata che condivido solo con chi voglio io, che poi i commenti negativi non mancano eh!
    Penso che tutto quello che hai fatto tu nella vita, te lo sia sudato sin dal primo giorno in cui ci hai pensato. Queste sono vere persone Sistiana, tu sei più vera di qualsiasi altra persona perchè non ti limiti e scrivi o dici quello che pensi, senza nessun problema, così come hai fatto oggi con questo post. Ce ne vorrebbero di più di SistianE!
    Continua per la tua strada e non lasciarti mai turbare da commenti o pensieri negativi su di te e le tue scelte di vita. La vita è una sola e va sfruttata al massimo, cogliendo sempre l'attimo ed eliminando i "se" e i "ma".
    Ti auguro una splendida domenica amica mia e grazie per aver accettato la mia richiesta di amicizia.
    Bacioni grossi a te e a Moki dalla Sicilia! xoxo

    Chiara from Vogue at Breakfast.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. " La vita è una sola e va sfruttata al massimo" quanto è vero. Grazie

      Elimina
    2. Condivido ogni parola e ogni tuo singolo pensiero...forse dipenderà dal fatto che sono di una generazione ancora antecedente la tua...o forse solo perché siamo persone autentiche, senza maschere e senza mezze misure...chissà!
      Un bacio,
      Giovi

      Elimina
  3. TI STIMO FRATELLA <3 Se mai dovessi pubblicare un libro..sarò la tua prima fan a comprarlo stanne certa <3 !! e io ti sosterrò SEMPRE !! Donna Bellissima, Forte ma anche dolcissima, Indipendente, e con le Balls..una ragazza d'ORO!
    baci e abbracci Rita ;) ti voglio bene..ci si affeziona ormai ad una persona anche tramite il web ^^

    RispondiElimina
  4. Grazie Sistiana, è sempre un piacere seguirti. :-)

    RispondiElimina
  5. Ciao Sistiana! Premetto che ti seguo su Youtube e poi su twitter e poi qui sul blog e se non avessi deciso di chiudere il mio account facebook qualche anno fa, ti seguirei pure lì!
    Sono d'accordo con tutto quello che dici, trovo che purtroppo le persone (quelle dei commenti acidi etc) trovino nel web un sistema catartico per fare venire fuori tutte le loro insicurezze e debolezze, nascoste dietro il "se sei un personaggio pubblico devi accettare le critiche", come se poi avessero il coraggio di dirti che sei culona/orrenda/antipatica etc anche dal vivo.
    Purtroppo molta gente non conosce il concetto di "libertà di manifestazione del pensiero", così ben sancito nella nostra Costituzione, che prevede non solo la possibilità di esprimerlo ma anche a contrario il diritto di non essere molestato per la propria opinione.
    Questo per dire che quei fragili confini delineati dal rispetto altrui, così poco rispettati nella vita reale di già, sul web vanno proprio a perdersi.
    Mi dispiace appurare che succede in un range di età indifferenziato, dagli adolescenti ai c.d. adulti.
    Non aggiungo niente di nuovo al tuo spunto di conversazione, ma ho detto la mia :)
    Detto ciò... io ADORO le foto di Moki, mi manca Londra anche se cerco lavoro in Italia, tu sei fantastica e insomma, who cares!!
    Un abbraccio,
    Alessandra

    RispondiElimina
  6. credo che il tuo pensiero possa trovare conferma in qualsiasi persona in grado di puntare lo sguardo oltre il proprio riflesso nello specchio. non ho ancora capito il motivo per il quale in Italia sia tanto difficile essere uniti. misteri di un paese, il nostro, che amo e come ogni grande amore da tante delusioni. m'illudo sempre, e continuerò a farlo anche in futuro, che i buoni possano vincere. ti stimo e seguo sempre con piacere. Daisy

    RispondiElimina
  7. Ciao Sistiana, innanzitutto volevo farti i miei complimenti per la tua voce, mi piace moltissimo ascoltare la tua musica e soprattutto ti seguo su Youtube per i video Vlog e quelli musicali!
    Condivido pienamente tutto quello che hai scritto in questo post, i social sono molto utili al giorno d'oggi ma parecchia gente li usa nel modo errato e proprio per questo quasi ogni giorno penso: "Che ci sto a fare su Facebook?" ma poi penso che se mi cancellassi non potrei più "seguire" le persone che meritano davvero di avere l'appoggio di qualcuno e tra queste rientri anche tu. Rimango su Facebook solo per quelle pochissime persone della mia vita che posso contare sulle dita di una mano, per sentirle e per vedere anche come se la passano, essendo magari da un'altra parte e quindi non "facilmente raggiungibili". Sistiana sei davvero una ragazza d'oro. Un bacione e grazie per offrire anche a noi un piccolo posto per dire apertamente tutto quello che ci passa per la testa! <3

    RispondiElimina
  8. ciao sistiana:)vorrei dare un giudizio a tutto quello che hai scritto,HAI TUTTE LE RAGIONI DEL MONDO,se uno vuole esprimere un parere,deve essere libero di farlo,non facendolo e poi rimangiarsi tutto per colpa di buffoni a cui piace tanto criticare pesantemente il primo che passa e poi se ti fanno cirtiche dietro ad un computer (o qualcunque dispositivo)facci una risata sopra perchè vuol dire che non ha il coraggio di dirtele in faccia,ti saluto :D (gavino)

    RispondiElimina
  9. e che voi fa Sistiana...la cattiveria la fa da padrone in questo mondo...dopo un sacco di tempo e altrettante cattiverie gratuite io ho imparato una cosa...fregatene di tutto e di tutti...potranno buttarti giù, denigrarti, dirti che non ce la farai mai - perché sono tutti professori - ma se ascolti te stessa, e SOLO te stessa, ti troverai sempre bene...e se non ti troverai bene potrai dire "Almeno ho sbagliato per colpa mia"

    RispondiElimina
  10. Sei una grande !!
    Di te mi piace tutto , la voce , la musica, le riflessioni e anche gli amici adesso segua Marcello che è un cute , ma lo sconosciuto seguendo te !! Continua cosi ... sei davvero speciale !!

    RispondiElimina
  11. Fai sempre riflettere con i tuoi post ed hai ragione, se ci si aiutasse di più forse le cose migliorerebbero. Che applicazioni usi su istagramm?ahaha kiss

    RispondiElimina
  12. Sinceramente, credo di aver capito cosa posso aver scatenato questo tuo post.
    Dopo aver visto un certo vlog girato a Milano, e aver visto chi segue una "certa persona" su Instagram (o meglio chi non segue, praticamente nessuna persona reale, alla quale come dici tu si può dare SUPPORTO).. O forse sono solo io che immagino tutto non so.. Però ti posso dire che alcune persone mi stanno deludendo, ovviamente nella misura in cui ti può deludere una persona che non conosci e con cui non hai legami.. Ma una cosa te la voglio dire: ti stimo. Ti stimo perché sei libera, ma non sei sfrenata. Hai dei principi, ma non sei una bigotta. Si vede che hai sofferto e forse soffri, ma non sei stanca di dare l'anima. Perché ti appassioni, perché apprezzi le piccole cose. Perché sei dolce, ma non sei mai ruffiana. Perché e mille perché ancora. Hai una personalità davvero affascinante e per quello che mi è dato di vedere sei una bella persona.
    Su youtube io ti vedo molto simile a Lolla, vere e libere da preconcetti o restrizioni sociali.


    Ti voglio bene Sistiana, mi fa strano dirlo perché non ti conosco, ma in fin dei conti voglio il tuo bene, che ti vada bene perché te lo meriti, quindi si penso che si possa dire che ti voglio bene nel senso più letterale della frase!

    Un bacione
    Gabri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse deluderò ma non so se ho capito di cosa parli.. oggi ho scritto questo post prendendo spunto da uno status di un mio amico molto coraggioso, riflettendo su cose che penso e dico spesso in relazione ai social, quindi non c'è stata una cosa in particolare a scatenare queste righe.. Grazie per "personalità affascinante" mi sono sentita molto fica leggendolo! :D

      Elimina
  13. Il web è lo specchio della vita, non c'è da meravigliarsi che oramai bisogna "contenersi e misurarsi" nelle proprie idee anche li. All'inizio sembravano andar meglio le cose, sembrava che realmente i social network fossero un'occasione per aprirsi al mondo, ma come tante cose ad un bell'inizio non segue un altrettanto esaltante proseguio.
    Ti parlo della mia esperienza. Proprio l'altro giorno pensavo che è da una vita che non scrivo un post, non condivido davvero una mia idea su face. Oramai anche li sembra esser diventato una fiera delle vanità, un luogo sterile, una pianta finta in una camera. Inoltre, oramai i commenti cattivi, acidi, le frecciatine si buttano. Sembra che tutto il mondo sia diventato geloso delle belle parole, dei complimenti, dei pensieri positivi. Non oso pensare cosa sia per chi è un personaggio pubblico sui social ( ho sempre pensato che abbiate un grande coraggio).
    Stante alla tua osservazione su youtube il discorso è lo stesso. Si perché c'è un fenomeno di cyber cattiveria dilagante sia perché un po' il pubblico è divenuto prevenuto e quasi geloso. Però, ammettiamolo, ultimamente anche youtube Italia sta diventando peggio di certi salotti della tv: pubblicità non dette, finte opinioni, finte amicizie, recensioni fintatemene libere. Anche nei social, si vede la differenza culturale di due paesi.
    Sistiana, qui le cose sono due: o ci si limita o ci si continua per la propria strada, prendendosi qualche colpo (lo so, lo so, anche per me sarebbe facile). Sappi che però la maggior parte dei tuoi iscritti ti seguono con affetto e stima, sanno che tu sei DIFFERENTE. Per ogni scemo, ci sono 10 persone che credono in te, e questo non è poco. Soprattutto oggi. Ti abbraccio forte, ciao.
    ps: mi chiamo alessia, ma debbo scrivermi come anonimo, perchè nel pieno della mia intelligenza non ho capito come ci si iscrive al blog.. sono pessima, sorry :P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sembra che la tua intelligenza ci sia eccome invece! quello che hai scritto su FB che è diventato una fiera della vanità, una pianta finta in camera è davvero un'analisi perfetta. e GRAZIE! della stima, lo apprezzo.

      Elimina
  14. Cara Sistiana,

    il mondo in cui viviamo ci da poche certezze. E' vero. Però io ne ho una.
    Credo che se le persone fossero più gentili, altruiste e (soprattutto) MENO ARRABBIATE, il mondo andrebbe meglio. Certo, non si risolverebbero i grandi problemi che perseguitano da secoli il nostro pianeta, ma credo fortemente che un atteggiamento più accondiscendente verso il prossimo (ovviamente senza mai negare sé stessi!) e un pizzico di gentilezza in più, potrebbero rendere questo mondo migliore.
    Credo che la positività porti altra positività.
    Credo che i sorrisi portino altri sorrisi.
    Credo che la felicità porti altra felicità.
    Credo che l'amore (per qualsiasi identità, passione, animale) sia indispensabile nella nostra vita.
    Credo nella passione suscitata dalle cose semplici, dal tenersi la mano, dal luccichio di occhi innamorati.

    Il mondo è già troppo cinico, noi dobbiamo cercare di coltivare quel piccolo seme di felicità che posso assicurare che ancora c'è. E se coltivato nel mondo giusto e con passione, crescerà, dando splendidi frutti che non faranno nient'altro che rendere la vita ancora più splendente di quella che è.

    Io non ti conosco personalmente e devo dire che ultimamente ti seguo quasi solo su Instagram, non avendo molto tempo.
    Per cui credo che "qui" ci sia gente che sicuramente ti conosce di gran lunga più di me, ma quello che hai scritto mi ha fatto scattare una molla e non potevo trattenermi. Dovevo condividere con te e con i tuoi/tue lettori/lettrici quello che penso.

    Eleonora

    RispondiElimina
  15. Ciao Sistiana,
    è da non molto che ti seguo ma sono contenta di averti 'scoperta' perchè ogni cosa che dici o scrivi mi trova d'accordo. Sono una tua coetanea e mi rendo conto sempre di piu di come le generazioni di oggi siano cambiate.
    Io vengo da un paesino e il massimo era per me e i miei amici uscire il sabato al cosiddetto campetto,o andare nelle serate 'discoteca' che proponevano le sagre.
    Ora non è più così.
    Ora se non fai parte di facebook non sei niente e non sai niente. E molte di quelle persone si nascondono dietro a un video e giudicano,e criticano, e si sentono migliori ma poi quando ti guardano in faccia non sono nemmeno capaci di salutarti.
    Apprezzo e stimo persone come te,persone intelligienti che hanno da condividere esperienze di vita e lo fanno nonostante sanno che possono essere giudicate.
    Per quanto riguarda Moki aspetto sempre una sua foto su instagram (su facebook non ci sono perchè mi ha rovinato la vita) perchè davvero un animale ti può dare tanto anche solo guardandoti e lui infonde tanta tanta dolcezza.
    Continua così perchè ci sarà sempre qualcuno che pur di non guardare se stesso critica gli altri e la vita di queste persone è davvero povera.

    Un bacione grande e grazie per quello che mi dai!
    Michela

    RispondiElimina
  16. Ciao sistiana, Ti seguo da tanto tempo, da quando facevi video con la chitarra in mano a New York.
    Sono una utente media di yt, seguo con entusiasmo persone nuove, ma ben presto me ne stanco, li perdo, li ritrovo molti video dopo.
    Beh con te non è successo! Continuo a leggerti con piacere, ad ascoltare quando canti, a ridere con gli occhi a cuore da quando c'è anche Moki. Ultimamente ho scoperto anche Marcello tramite te, e anche con lui è la 1 volta che mi fermo a leggere i post lunghi che scrive su fb, che ci dedico con piacere 10 min, perchè entrambi siete voi stessi, dite la vostra, ridete, vi arrabbiate, un giorno postate la selfie piaciona, un giorno la faccia triste, un giorno solo Moki o Niro... come tutti noi. Non è un caso siate amici, non è un caso siate criticati, non è un caso entrambi facciate le cose con passione e si vede. Capisco che essere un personaggio pubblico sia faticoso, che scocci leggere persone stupide, ma purtroppo hai ragione, questo mi sembra un difetto particolarmente sviluppato in questo "bel paese". Anche io ultimamente uso FB solo per fare share del mio lavoro, della mia pagina, e non dico più la mia, non scrivo più "mi manca un casino la mia vita all'estero, i miei amici là, la lingua diversa ecc" perchè oramai sono la asociale/non italiana/esterofila del gruppo. Se si tratta poi di avere aiuto in lingua tutti carini, simpatici, poi quando ci sono discorsi profondi di diversità culturale si alzano le retrovia tricolori, si torna tifosi della pizza e del mandolino senza pensare, senza ascoltare o cercare di farlo. Sono stanca anche io di lottarci, è per questo che non scrivo. Sistiana vai avanti, un piede per volta, anche se la strada spesso non la riconosci, giorno per giorno bisogna sempre cercare di vivere, e non solo di sopravvivere alla negativita' delle situazioni che descrivi! tu sai portare positività ai tuoi followers molto bene e continua cosi! comunque le foto che metti di te stessa sono sempre molto belle :) keep the faith! cerco di fare lo stesso! baci a te e Moki. Mary

    RispondiElimina
  17. Ecco perché ti seguo :) mi piace anche leggere i commenti di chi ti segue come me, sempre produttivi e senza eterne adolescenti del che bella, che brava, salutami nei tuoi video ecc. ecc. credo sia stata fatta una selezione naturale di chi ti segue e non mi spiego i messaggi stupidi ricevuti e citati in questo post...meriti il meglio Sistiana! Carmen

    RispondiElimina
  18. Ciao Sistiana, trovo che questo sfogo, questo post, sia assolutamente veritiero e lecito. Il fatto è che quando arrivi a così tante persone ce ne saranno molte che ti stimano ma altrettante che ti criticano, proprio per il fatto che sei un, passami il termine, personaggio pubblico. Youtube ha un potere mediatico forte come il cinema, o la tv, così come i social sono diventati il telefono di casa o il citofono del "c'è gigi? e la Cremeria?". Io non darei troppo peso ai commenti fatti ad hoc per ferire, per ridicolizzare, per fare i bulli. Ma utilizzerei l'esser seguita da così tante persone come un'opportunità per dire realmente ciò che penso, e lo farei al meglio delle mie possibilità.
    Mari from http://maripois.blogspot.it/

    RispondiElimina
  19. E' vero, c'è tanta gente arrabbiata e frustrata, purtroppo (e secondo me andrebbe fatta a scuola) non c'è una "educazione al web" che possa far capire a chi ci nasce dentro, quindi ai più piccoli, che internet e i social possono essere grandi mezzi così come possono trasformarsi in grandi trappole di vita. Commentare democraticamente sul web è una possibilità che se non viene sfruttata bene, produce solo persone ancora più vigliacche e violente sia psicologicamente che fisicamente. Per non parlare della questione "fama", ognuno guarda al proprio orticello e nessuno arriva da nessuna parte. I social paradossalmente si basano sul concetto di condivisione mentre invece alimentano egoismo e prosopopea. Sapessero, quegli youtubers di cui parli e che non conosco, che la beat generation, le correnti artistiche, i movimenti e i manifesti al cinema come a teatro come nell'arte o nella letteratura oggi li possiamo studiare perché qualcuno ai tempi, in gruppo con colleghi artisti ed amici, ha fatto circolare cultura con generosità...purtroppo la pochezza d'animo è una piaga social(e).

    RispondiElimina
  20. quant'è vero tutto ciò!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  21. Ciao Sistiana, non è da molto che ti seguo, ma da quando l'ho fatto mi dai sempre degli spunti su cui riflettere, come questo post. Appena hai aperto il blog sono stata felicissima, perchè amo il tuo modo di scrivere e leggo con la tua musica di sottofondo. Ogni volta penso che potresti diventare una persona famosa, hai tutte le carte in regola per poterlo diventare e saresti molto meglio di certe persone che si vedono adesso e sai cosa ti differenzia dalla massa di oggi? La tua sincerità, spontaneità e dolcezza. Io sono come te, una ragazza che è sempre stata criticata per ogni cosa che faceva e reputata "falsa" perchè ero dolce e sensibile e per questo, a volte, facevo fatica a dire le cose, soprattutto alle persone che mi venivano a dire questo, comportandosi da "veri amici", come sostenevano loro, ma penso che un vero amico non ti venga a dire "sei falsa", anzi, gli andresti bene così come sei. Purtroppo il mondo di oggi, soprattutto grazie ai social network, sta diventando questo: sempre più persone ti criticano per quello che sei, come se tutti fossero perfetti e con un bellissimo carattere da invidiare, perchè è diventato tutto più semplice scrivere con una tastiera e con un monitor di mezzo, tutti si sentono più fighi e importanti. Sei una persona vera, lo si vede da quello che scrivi a da come ti comporti. Ho vent'anni ma vedendo come sta il mondo credo di essere anch'io di un'altra generazione! Ti ringrazio per questi attimi di lettura che mi dai e dei momenti di puro relax ascoltando le tue canzoni, sei grande, continua così e non mollare mai! Un bacione!
    Anna

    RispondiElimina
  22. Ciao Sistiana,
    ho letto questo post lunedì e l'ho riletto adesso. E tuttora non mi sono ancora fatta un'idea precisa di quello che penso su questo argomento.
    Da un punto di vista di 'sfogo' capisco quello scrivi, da un punto di vista 'razionale' meno. Internet purtroppo è una società esasperata ed esasperante, da anni, forse da sempre. E' utile per confrontarsi tanto quanto può essere sfogo di frustrazioni.
    Ti seguo da molto tempo, dalle prime cover con la chitarra in una piccola stanzetta di NYC. Mi sono appassionata a te, ma non siamo diventate amiche. Quello che mi piaceva era che tu cercassi di raggiungere un tuo obiettivo: la musica. In un certo senso, io seguivo il tuo 'personaggio'. Per quanto potesse essere vicino a quello che sei, il contatto non lo avevo con una persona, ma con un 'artista' che, a mio parere, meritava di emergere. Volevo sostenere il tuo percorso.
    Ti sei fatta conoscere per quello che fai nel settore che hai scelto per esporti. E quello che hai scelto ha un pubblico. Eterogeneo. Innamorato. Maleducato. Ma deve essere chiaro che è un pubblico, non sono amici o conoscenti e non vanno pesati come tali.
    Non lo so, sono davvero confusa. Continuerò a pensarci su.

    Bacio e in bocca al lupo

    Federica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica! il mio non era uno sfogo, è proprio quello che penso. Lo penso anche quando sono in un negozio, in metropolitana. La gente "maleducata" di cui parli ad esempio non mi piace, non la condivido. Nella gente e sul web. Non è una giustificazione pensare "sono personaggio pubblico" quindi mi aspetto di tutto, perchè queste cose succedono anche ai miei amici che hanno un profilo fb personale con gente che "conoscono" sopra. è proprio una tendenza che c'è sul web. superficialità, parlare a caso per dare aria alla bocca etc. E dirlo è il primo passo magari per migliorare, invece di essere sempre passivi e dire "eh è così.." NO! si può essere meglio.

      Elimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  24. Condivido il concetto del si può essere meglio e non volevo dire che essendo un personaggio pubblico devi aspettarti di tutto. Voglio pensare che sia una frase provocatoria perchè era chiaro che non intendessi quello. Ho solo detto che non si può valutare un conoscente e un pubblico con lo stesso metro, che è ben diverso. Per quanto riguarda i tuoi amici che si sentono offesi da chi conoscono mi dispiace, ma siamo in grado di scegliere di chi ci sta accanto. In amicizia e soprattutto in amore, quando si sta con un cretino, credo che la cosa che faccia più male è che noi abbiamo sbagliato a scegliere chi ci sta accanto.
    E' giusto far emergere un problema, non fraintendermi, soprattutto se così diffuso, ma sono perplessa comunque da come è concepito quello che hai scritto.
    Le vite sono tante e le storie altrettanto. Ci sono persone che cercano solo uno sfogo, una parentesi leggera. E' giusto non confondere la superficialità con la leggerezza, e forse andrebbe fatta capire l'enorme differenza.
    Con questo ti ripeto, la maleducazione è sempre un problema che dovrebbe essere educato. E il problema esiste. Esiste già nella vita offline.
    Ma le tue parole non mi sono sembrate solo far emergere un problema. Parli come se fossi delusa da qualcuno da cui ti aspetti qualcosa. Perchè dovresti chiuderti col tempo? Non è necessario far conoscere tutto di te, poniti prima un obiettivo e poi vedi come puoi raggiungerlo con chi ti segue. La vera te, quella che fa un sacco di cose oltre internet, tienila per chi se lo merita. Per chi costruisce la vita con te.
    Il resto sono solo esperienze da personaggio pubblico e non ti devono condizionare. Chi scegli deve sapere quello che sei, chi ti segue deve sapere quello che fai.

    RispondiElimina
  25. Ciao Sistiana.
    Leggo solo ora questo tuo post, non credo di aver mai commentato sotto un tuo video nonostante non me ne perda uno, forse perchè sono anche io "affetta" ormai da tempo da questa chiusura di cui parli. Non ho più voglia di perdere tempo per i social e per le persone superficiali che li frequentano. Non ho più voglia di essere fraintesa e detesto provare la sensazione di non riuscire a spiegarmi. Credo diventi tutto tremendamente piatto sullo schermo. Anche un commento su youtube a volte può risultare banale, scontato, una ruffianata fine a se stessa. Mi è presa una paura folle di parlare a vanvera, di non riuscire ad esprimere le emozioni che provo (ovviamente mi riferisco alla realtà virtuale, quella vera mi piace viverla a pieno, d'altronde se ti seguo così appassionatamente è perchè ritrovo un certo feeling). A volte mi capita anche di piangere davanti ad un video, ma non lo scrivo perchè temo che i miei sentimenti possano essere sviliti, sottovalutati, fino a passare per finti. Credo che il computer abbia portato con se di certo grandi novità ma purtroppo anche tremende conseguenze. Ho un fratello di 17 anni, che appartiene alla generazione della totale devozione a FB, non so come fare per fargli capire che è qualcosa di non vero, di non concreto, di effimero. Ognuno si crea una propria identità, giornaliera, a seconda di quello che va più di moda o di quello che ti rende più alternativo, ma nessuno sa davvero di cosa sta parlando.
    Va be' mi sto dilungando troppo ma questo argomento mi tocca profondamente e tutte le volte che ci penso finisco con la testa fa le mani cercando di darmi delle risposte.
    Dopo questo sproloquio ti saluto con un forte abbraccio cara Sisti, continuerò a seguirti e ad alscoltarti, mi piace quello che dici come lo dici, mi piace quello che sei e come TI vivi, mi piace la tua musica e adoro la tua determinazione nel compiere il tuo sogno (anche a me piace cantare ma mi manca decisamente la seconda parte). Se mai ti dovesse capitare sotto mano un commento di "Giorgia Ciminelli" sappi che sarà davvero fatto con il cuore :)

    RispondiElimina
  26. Ciao Sistiana, ti ho appena scoperta su YT e mi sono messa a trascorrere alcune ore libere leggendo il tuo blog. Volevo chiederti quanti anni hai perché mi rivedo molto in te. Sono una ragazza di 23 anni di Roma, ma sinceramente ogni tanto mi sento una vecchia di 80 anni xD preferisco mettere su instagram una foto buffa del mio gatto in una posiziona discutibile piuttosto che una mia foto stile Miley Cyrus. Preferisco strappare un sorriso che un rigo di bava di qualche allupato, ecco. Questo per dirti che non sei sola xD apriremo il club delle novantenni giovani! Comunque mi piace molto quello che condividi su questo blog e soprattutto i tuoi video, infatti... NUOVA ISCRITTA ^^ spero mi risponderai . Lisa ^^

    RispondiElimina
  27. comincio a temere che tu mi legga nel pensiero.
    Anche qui ritrovo le stesse riflessioni, gli stessi pensieri, e gli stessi viaggi mentali che mi faccio.
    Come non darti ragione, anche io, a soli 22 anni, mi sento una vecchia bacucca, della serie 'era meglio quando si stava peggio', della serie 'meglio far vedere a facebook le torte che faccio che le tette che non ho'.
    E per quanto riguarda la situazione di youtube in Italia, per fortuna che qui qualcuno mi ha chiarito la situazione! anche io guardo Zoella, Alfie, Tanya etc e nel vedere che famiglia si è creata, mi era quasi venuta voglia di cominciare un canale youtube anche io, giusto per provare e perchè no, incontrare persone con i miei stessi interessi, cullata dall'illusione che in Italia fosse lo stesso.
    Ma chissà perchè, in Italia, si deve sempre fare il contrario, si deve cercare di fare da soli, perchè l'aiuto degli altri è debolezza? perchè ci rubano la scena? non lo so, ma capisco quando dici che ti manca l' 'aMeERICA'.

    se ti va di dare una letta ;) http://thepeachdrinkingtea.blogspot.it/

    RispondiElimina
  28. Ho letto le tue parole con molto e molto piacere, ho voluto leggere le tue parole con calma volontarialmente, per capirne davvero il significato, tendo sempre a leggere oltre le righe di qualsiasi cosa, post, libri, notizie, giornali, mi piace pensare che non tutti scrivono a caso, e tu credo tu sia una di quelle persone, che quando scrivono scrivono pensieri da condividere, e ancora bello poter leggere e capire che ci sono persone che sfruttano i social network per condividere pensieri che ormai con la generazione d'oggi sono in disuso! Grazie davvero, e lo dico col cuore di questi bei pensieri, e grazie per averli condivisi! Un saluto :)

    RispondiElimina
  29. Io dico sempre cio' che penso. Possibilmente con educazione (se gli altri la mantengono con me). Non e' un delitto. :D e' solo un modo di essere. E io sono cosi' di carattere. Sincerita' sempre e comunque. Non amo l'omologazione o seguire cio' che fa la massa. E' questione di personalita'. :D a chi non piaccio, dico sempre che "quelle e' la porta". baci affettuosi a tutti voi. Ciao, Paola.

    RispondiElimina